TOP

Cara auto, quanto mi costi? Assicurazioni, tariffe più care d’Europa

L’auto è diventata un lusso, a parlare sono le cifre: dalle assicurazioni al carburante, dalla manutenzione alle tasse. Il paragone con il costo di un appartamento potrebbe apparire esagerato, ma se si guarda ai numeri, non sembrerebbe poi così azzardato. Il Codacons è sul piede di guerra e chiede al Governo un intervento, soprattutto verso le compagnie assicurative. Vantiamo infatti le tariffe più care d’Europa: se in Francia una polizza auto costa 172 euro, in Germania 222 e in Spagna 229, in Italia il prezzo è da capogiro, visto che si arriva fino ai 900-1.000 euro. Consideriamo infine che a inizio 2012 si è registrato un nuovo caro-polizza con un aumento del 2% nel primo trimestre del 2012 (dati Ania): non bene, visto che in 20 anni il caro-polizza è aumentato del 202,5%. Il Codacons non ci sta, e per voce del presidente Carlo Rienzi, tuona: “Abbiamo raccolto casi di automobilisti che, pur non avendo mai fatto incidenti negli ultimi anni si sono visti raddoppiare in modo del tutto arbitrario il costo della propria polizza. Speriamo che il governo Monti voglia presto intervenire su tale fronte, salvando i cittadini dallo strapotere delle imprese assicuratrici”.Inflatable Disney Slide

Al prezzo delle polizze c’è da aggiungere naturalmente il caro-carburante, ormai arrivato a 2 euro al litro (4 anni fa la benzina costava 1,2-1,3 euro al litro), le spese di manutenzione e le classiche imposte, tra cui le più detestate (e poco comprese), come il bollo e il bollino blu. Secondo alcuni dati, in media, il costo annuo di un’automobile è di circa 4.000 euro: quasi 1.800 euro di carburante, più di 700 euro per la polizza assicurativa, 500 euro per la manutenzione, più di 200 euro per pagamenti di pedaggi autostradali e parcheggi, quasi 300 euro per le imposte.

“Adesso che il Ministero ha scoperto quello che ogni automobilista sapeva già”, dichiara il Codacons “sarebbe bene che cercasse anche delle soluzioni, poiché la responsabilità di questi aumenti dipende in primo luogo dal governo, colpevole di non aver preso misure di liberalizzazione e che in questi anni ha incrementato costantemente le tasse sui carburanti, l’Iva, ha indicizzato, invece degli stipendi e delle pensioni, le tariffe autostradali e, in nome del federalismo, ha permesso l’innalzamento delle tasse sulla RC Auto al fine di finanziare le Province”. L’Associazione, pertanto, ha invitato tutti i consumatori italiani ad aderire allo sciopero della spesa, indetto per il 19 settembre.

1 comment. Lascia un Commento

  1. Pingback: RC Auto: ecco alcuni consigli su come risparmiare | Assicurazioni Auto Online

Lascia un commento

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>