TOP

RC Auto: ecco alcuni consigli su come risparmiare

Volete alcuni consigli su come risparmiare sulle RC Auto? Ecco a voi alcuni suggerimenti e riflessioni, per cercare di capire quale sia il miglior modo per risparmiare sulle vostre polizze e su cosa risulti realmente vantaggioso e conveniente.

Il nostro Paese ha il triste vanto di avere, in fatto di assicurazioni auto, le tariffe più care d’Europa: ne abbiamo già parlato, facendo anche il confronto con gli altri Paesi europei e testimoniando, a volte con qualche brivido lungo la schiena, quanto grande sia il divario dei costi, senza considerare l’aggiunte di imposte come il bollo e di spese necessarie come la manutenzione, la benzina e i parcheggi.

E così sembra utile tentare di redigere una lista di consigli su come risparmiare sulle RC Auto: il costo dell’assicurazione, infatti, è una delle principali questioni che ci fanno tremare ogni qualvolta siamo in procinto di acquistare un’auto, anche usata. I prezzi sono notevolmente elevati, e in poco più di 20 anni c’è stato un incremento davvero straordinario dei prezzi, di oltre il 200%, cifre che, entro la fine dell’anno, sono, secondo molti, destinati a rincarare, come se non bastasse, ancora un po’ di più.

Uno dei migliori modi per risparmiare sulle polizze auto è rappresentato dal confronto via web: vi sono infatti diversi siti che aiutano gli utenti a effettuare il confronto tra il costo delle diverse assicurazioni, consentendo così di trovare in breve tempo, l’offerta più vantaggiosa e conveniente sotto tutti i punti di vista, in base alle proprie esigenze. Considerando che i costi variano in base anche alla regione, ai dati personali e alle caratteristiche dell’automobile, è necessario affidarsi a compagnie assicurative che vantano il miglior rapporto qualità-prezzo, e il confronto sui siti internet contribuisce ad agevolare notevolmente il reperimento della soluzione più adatta alle nostre tasche.

Tuttavia è anche vero che a partire dagli anni 2000, a causa della liberalizzazione del mercato, ci si può affidare anche ad agenzie assicurative online, che garantiscono, al pari della qualità, anche prezzi altamente vantaggiosi.

Un’altra soluzione utilizzata spesso dagli automobilisti è quella di affidarsi ad assicurazioni temporanee o semestrali: in questo modo si evita di pagare il prezzo annuale, ma non certo di spendere molto di meno, poiché, proprio per far fronte al mancato introito, le compagnie assicurative stabiliscono dei prezzi adatti al mercato per garantire all’automobilista una copertura semestrale a un prezzo che non prevede risparmi eccessivi o sconti improponibili. Lo stesso discorso, naturalmente, vale anche per le assicurazioni temporanee.

Al di là di tutto, il modo migliore per affidarsi a una polizza auto che ci garantisca un risparmio di circa 400-500 euro è quello di effettuare confronti sul web sulle migliori agenzie assicurative: solo in questo modo, comodamente da casa e in tutta calma, ci potremo avvicinare al prezzo più vicino alle nostre esigenze.

Leggi Tutto
TOP

Rc Auto: cosa cambia con il decreto sulle liberalizzazioni?

Cosa cambia con il decreto sulle liberalizzazioni per l’Assicurazione Rc Auto?

Convertito recentemente in legge dal Parlamento, il decreto sulle liberalizzazioni varato dal governo Monti si è occupato anche del comparto assicurazioni. Tra i diversi punti che determinano il decreto, uno di questi riguarda le polizze assicurative Rc Auto, basate sulla “dematerializzazione del contrassegno“.

Il classico contrassegno, dunque, verrà sostituito da un microchip elettronico, una novità di cui se ne parla da tanto tempo e che oggi sembra ormai avere una sua realizzazione. Il contrassegno di carta, infatti, è facilmente falsificabile e può essere anche acquistato dai falsari per pochi euro: un problema di natura non indifferente che pesa sulle vittime degli incidenti provocati da chi pensa che l’assicurazione auto sia solo un gioco.

Le cifre che riporta l’ACI sui veicoli privi di assicurazione non tranquillizzano di certo: sarebbero infatti circa 3,5 milioni i veicoli senza assicurazioni, ovvero il 10% del comparto totale dei veicoli in Italia, che va a provocare anche la mancanza di introiti per 1 miliardo di euro nelle casse dello Stato.

Il microchip, sotto questo aspetto, sarebbe molto utile anche a ottimizzare le risorse economiche a disposizione e a incentivare i controlli.

Potrebbero tuttavia esserci delle complicazioni per chi deve installare il microchip elettronico, perché quest’ultimo può essere supportato solo su quei veicoli dotati di sistemi di lettura delle smart card, fondamentali per inviare i dati alla centrale operativa delle compagnie di assicurazione.

Quando verrà sottoscritta una nuova polizza Rc Auto, al cliente verrà consegnata una card nella quale saranno memorizzate tutte le informazioni necessarie sulla polizza, come i dati del contraente, la data di inizio e termine, le caratteristiche del veicolo, ma che non includerà il rilevamento della posizione tramite sistema Gps.

Attraverso il sistema elettronico, tuttavia, ci potrà anche essere un vantaggio per l’automobilista, ovvero quello di recepire avvisi immediati concernenti scadenze, controlli, revisioni e altre informazioni utili e promemoria.

Leggi Tutto
TOP

Gli italiani e le assicurazioni: cambiare spesso vuol dire risparmiare

Il mondo delle assicurazioni non sembra proprio volersi risollevare dal periodo di crisi che sta vivendo. coque iphone X Adidas Zx Flux Homme Pas Cher air presto uomo

Scott Kazmir Authentic Jersey Le assicurazioni auto infatti sono sempre più care mano a mano che il tempo passa e gli italiani non sanno più come comportarsi. nike donna nike tn requin pas cher Womens Air Jordan 6 Gli automobilisti italiani fanno di tutto per cercare di risparmiare il più possibile arrivando anche ad eliminare molte garanzie aggiuntive che un tempo venivano invece considerate indispensabili come ad esempio la garanzia sul furto e l’incendio. nike air max 1 essential femme Canada Goose Shelburne Parka Cincinnati Bearcats adidas ultra boost męskie I tentativi da parte degli italiani di risparmiare si sono tradotti anche in un nuovo trend, gli italiani tendono infatti a cambiare più volte nel corso della loro vita compagnia assicurativa. coque samsung galaxy buy ffxiv gil asics tiger homme Womens Air Jordan 7 New Balance 678 hombre Un tempo la situazione era davvero molto diversa da questa. nike air max 1 femme beige Fjallraven Kanken Big Philadelphia 76ers Un tempo infatti la compagnia assicurativa scelta al momento dell’acquisto di una vettura rimaneva invariata per il resto della vita, spesso rimaneva invariata anche se il conducente decideva di cambiare automobile. Canada Goose asics kayano 21 homme Womens New Balance Sneakers
Oklahoma Sooners Oggi invece non è più così e secondo le indagini che sono state effettuate ben il 32% dei conducenti italiani, una percentuale quindi davvero molto elevata, avrebbe deciso di cambiare la propria compagnia assicurativa in questi ultimi 36 mesi con l’obiettivo di arrivare ad un maggiore risparmio. coque Samsung Galaxy nike air max 1 og homme Nike Lil’ Penny Posite
Tra le persone che hanno deciso di cambiare compagnia assicurativa la maggior parte ha infatti ammesso di averlo fatto dopo aver ricevuto un preventivo molto più vantaggioso mentre una buona fetta ha ammesso di aver deciso di cambiare dopo avere avuto dei problemi con la compagnia assicurativa precedente. coque samsung a8 2018 adidas zx 750 femme Adidas Zx Flux Homme Nike Air Max 2016 Heren Asics Gel Noosa męskie Molte anche le persone che hanno deciso di cambiare compagnia perché hanno trovato una polizza che, allo stesso prezzo di quella precedente, offriva molte più garanzie. Nike Air Max Thea Femme Noir Asics Gel Lyte 3 Femme Noir ULTRA BOOST 2017 Sembra inoltre che tutti coloro che hanno scelto di cambiare compagnia abbiano effettivamente trovato quello che stavano cercando. Samsung coque a8 adidas ultra boost femme New Balance 574 homme nike free run 5.0 homme nike roshe uomo amazon È proprio vero allora che cambiare compagnia significa raggiungere un risparmio economico davvero elevato? Sembra proprio di sì, ma ovviamente affinché tutto questo sia possibile è necessario cercare di informarsi in modo preventivo.

Leggi Tutto